TUTTE LE NOSTRE NOVITA'

INDIETRO

Lavagna online  con strumenti: board       

 https://board.picasoft.net/                                                                       una pagina bianca su cui scrivere e collaborare, semplice e funzionale (Whiteboard de Picasoft open source)






Scrivi in CAA con il browser!

Simcaa è un servizio web che permette di scrivere documenti in caa ed impaginarli graficamente.
E' indipendente dalle piattaforme, collaborativa e condivisa
E' Software Libero con licenza AGPLv3: 
La trovi su gitlab

Usa ARASAAC, un sistema simbolico di proprietà del Governo di Aragona, creati da Sergio Palao per ARASAAC e distribuiti con Licenza Creative Common (BY-NC-SA)

SIMCAA è un software web-based aperto e gratuito per la creazione di tabelle (formato griglia), documenti semplici o libri in CAA. L'applicazione è composta da due sottosistemi: contenitore motore linguistico: l'obiettivo di questo sistema è associare / tradurre parole, frasi dal vocabolario della lingua locale in simboli ACC. ambiente applicativo: questo sottosistema è un editor di testo RTF in formato web grafico. Permette all'utente di scrivere documenti in AC semplice utilizzando la tastiera (il motore linguistico traduce parole e frasi in simboli).


Attuazione dell’art. 7, comma 3 del Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 63 - 3° annualità

Si porta a conoscenza che, per quanto riguarda l'attuazione dell’art. 7, comma 3 del Decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 63 - 3° annualità (nota DGSIP n. 1668 del 27 maggio 2020DGSIP n. 1668 del 27 maggio 2020), per la regione Veneto, il bando pubblicato riguarda solo la provincia di Treviso, come si può appurare alla seguente pagina dell'USR.
Per tutte le altre provincie, si procederà allo scorrimento della graduatoria della seconda annualità e, per la nostra provincia, questo significa che si riprenderà dal progetto n.6, fino all'esaurimento delle risorse finanziare assegnate al CTS di Vicenza.


Riforma Sostegno: le novità

Il Decreto legislativo n. 66/2017, attuativo della legge n. 107/2015, ha introdotto nuove disposizioni per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilità.

DOMANDA PER ACCERTAMENTO DISABILITA’

La domanda per l’accertamento della disabilità va presentata all’INPS,  che deve darvi riscontro non oltre 30 giorni dalla data di presentazione. Alla domanda presentata all’Inps si abbina il certificato, rilasciato dal medico curante, attestante la natura delle infermità invalidanti del richiedente.

COMPOSIZIONE DELLE COMMISSIONI MEDICHE

Il decreto introduce delle novità riguardo alla composizione delle commissioni mediche, integrando quanto previsto dal’articolo 4 delle legge n. 104/92. Alla luce delle nuove disposizioni, le commissioni mediche, nel caso di accertamento della disabilità di persone in età evolutiva, sono così composte: un medico legale, che assume le funzioni di presidente; due medici specialisti, scelti fra pediatri, neuropsichiatri infantili o specialisti relativamente alla condizione di salute del soggetto; un medico dell’INPS; un assistente specialistico od operatore sociale, individuati dall’ente locale.

PROFILO DI FUNZIONAMENTO

Il profilo di funzionamento (PF)  sostituisce, ricomprendendoli, la diagnosi funzionale e il profilo dinamico funzionale. Il profilo di funzionamento è redatto dopo l’accertamento della disabilità, secondo i criteri del modello bio-psicosociale della Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (ICF). L’iter per la redazione del PF parte con l’invio all’unità di valutazione multidisciplinare, da parte dei genitori, della certificazione di disabilità. Il PF, dunque, è redatto dalla predetta unità di valutazione multidisciplinare, di cui al DPR 24 febbraio 1994, composta da: a) un medico specialista o un esperto della condizione di salute della persona; b) uno specialista in neuropsichiatria infantile; c) un terapista della riabilitazione; d) un assistente sociale o un rappresentante dell’Ente locale di competenza che ha in carico il soggetto.

Alla redazione del PF collaborano i genitori del bambino/alunno/studente e un rappresentante dell’amministrazione scolastica, individuato preferibilmente tra i docenti della scuola frequentata dal soggetto interessato. Il profilo di funzionamento è il documento propedeutico alla redazione del PEI. Il profilo definisce anche le competenze professionali e la tipologia delle misure di sostegno e delle risorse strutturali necessarie per l’inclusione scolastica; evidenziamo che tali competenze non erano in precedenza riconosciute alla diagnosi funzionale e al profilo dinamico funzionale. Il nuovo documento va aggiornato al passaggio di ogni grado di istruzione, a partire dalla scuola dell’infanzia. Può essere, inoltre, aggiornato in caso di nuove condizioni di funzionamento della persona disabile.

 

Criteri, contenuti e modalità di redazione del PF saranno definiti in apposite Linee Guida, da adottare tramite un decreto del Ministero della Salute, di concerto con il Miur, con i Ministeri del lavoro e delle politiche sociali, dell’economia e delle finanze, per gli affari regionali e le autonomie, sentito l’Osservatorio permanente per l’inclusione scolastica (introdotto dall’articolo 15 del presente decreto) e previa intesa in sede di Conferenza Unificata. Tale decreto deve essere adottato entro 180 giorni dall’entrata in vigore del decreto oggetto della nostra trattazione (ricordiamo che il decreto è entrato in vigore il 31 maggio 2017).

 

Il profilo di funzionamento sostituirà la diagnosi funzionale e il profilo dinamico funzionale a partire dal 1° gennaio 2019. Alla medesima data entreranno in vigore le disposizioni relative alla composizione delle commissioni mediche per l’accertamento della disabilità.

DECRETO LEGISLATIVO 13 aprile 2017, n. 66

 (fonte OrizzonteScuola.it)

 


Ritorno in classe, gli alunni con disabilità e la mascherina: cosa prevede il MIUR

Alla domanda se gli alunni con disabilità dovranno indossare o meno la mascherina, il Ministero ha precisato che, se la disabilità non è compatibile con un suo uso continuativo, non dovranno indossarla. Lo ricorda il verbale n. 94 del Comitato Tecnico Scientifico del 7 luglio 2020. Ad ogni modo, è auspicabile che le scuole e le famiglie concordino le soluzioni più idonee a garantire le migliori condizioni di apprendimento per lo studente con disabilità.
Per quanto riguarda il personale che interagisce con alunni e alunne con disabilità, oltre che indossare la mascherina, si potrà prevedere l’utilizzo di ulteriori dispositivi di protezione individuali per occhi, viso e mucose, tenendo conto della tipologia di disabilità e di ulteriori indicazioni impartite dalla famiglia dell’alunno/studente o dal medico. Indicazioni in merito sono contenute nel 
Protocollo di sicurezza per la ripresa di settembre.



Comunicazione dell’Ufficio II: formazione in modalità e-Learning, relativa a bandi futuri, per l'acquisto di sussidi didattici e/o tecnologie assistive per alunni e studenti con disabilità - D.Dip n. 1795 del 2019 - Art. 7, comma.

Si trasmette il link per una pronta lettura della nota e relativi allegati pubblicati al sito della Direzione:

https://istruzioneveneto.gov.it/20200604_5746/                                                   Nota Bene: Si rammenta  che i CTS di Belluno, Padova, Rovigo, Venezia, Vicenza e Verona procederanno allo scorrimento delle graduatorie dei progetti già approvati per lo scorso a.s. 18/19.

 














CTS VICENZA SCUOLA APERTA

C.T.S. : Centro Territoriale di Supporto delle Nuove Tecnologie per alunni Disabili/Dsa con sede presso la Succursale di Sant'Antonino offre:

Consulenza presso le scuole; sportello per
Dsa
Possibilità di visionare attrez. hardware e software / con prestito in comodato d'uso;
Assistenza tecnica, formazione, assistenza didattica su software - hardware, ausili per l'apprendimento e l'esercizio di abilità, ausili per l'esercizio della comunicazione alternativa e aumentativa, ausili per l'esercizio di abilità cognitive e abilità di base, ausili per l'addestramento alla manovra di oggetti e di dispositivi di comando, ausili per la cura e mobilità  personale, ausili per la comunicazione e la gestione dell'informazione, ausili per leggere, ausili per le attività lavorative e ricreative, ausili per lo sport e per la musica;

 

L'Almerico da Schio è TEST CENTER accreditato AICA per le CERTIFICAZIONI DIGITALI.

La certificazione ECDL FULL STANDARD è la proposta per l'anno scolastico 2020-21, costituita da 7 esami con abilità e conoscenze informatiche che vengono convalidate da esami Computer Based.

Si compone di 4 moduli base ( C.essentials, O.essentials, W. Processing, Spreadsheets) e 3 moduli standard (presentation, it security, online collaboration).

E' stata accreditata come schema di Certificazione delle competenze informatiche, e ne consegue 2 primati

1. è l'unica certificazione di competenze digitali accreditata

2. è l'unica di tipo trasversale, cioè comune a tutte le figure professionali.